Benvenuto su Genoadomani
1674526
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 16 visitatori e 6 utenti registrati
Totale utenti registrati: 752
ritorno al futuro
la redazione
torna alla homepage
cerca nel sito:
dalla redazioneDa Martin Piaggio a Gilberto Govi
26/07/2016



Va a prorogarsi ancora per un mesetto la mostra su Govi, bella e istruttiva, a entrata libera a Banchi.

La storia insegna che ... (indimenticabile refrain di Peo Campodonico!) era genoano anche lui ... dopo Cristoforo Colombo.

A fronte del repertorio di tanti anni, poca cosa sono le estreme recite che furono registrate dalla televisione genovese.

A diletto anche dei foresti, la televisione nazionale le ha riproposte.

In una di esse, lattore Enrico Ardizzone finisce dicendo una morale riferita a una poesia di Martin Piaggio.

Perch non rileggerla insieme? Non potremo trattenere un sorriso.

Eccola.

Usa il genovese dellepoca, con il passato remoto e la erre che appare e scompare, e intercala frasi in lingua.

A facilitare la lettura, convengono caratteri grandi.



* * *



      I dui avari

Pignaverde e Pignasecca
    Dui grandiscimi avaroin,
    Sincontrn n giorno a caxo
    Paseggiando per cammin;
Se saln senza cavse
    De cappello, pe-a raxon
    De no f do guasto a-o pisso
    Cho lēa o pesso ci de bon.
Pignasecca andava adaxo,
    E co-e gambe ben sciarr
    Pe no f di nuvi sguri
    A-e so braghe repess.
Pignaverde incangio andava
    Camminando de galoppo
    Per frst nn-a scarpa solo
    Comme i ranghi in gallisoppo;
E sciccomme la dex-anni,
    Che no san visti tra l,
    Pignaverde invi lamigo
    A en pe fse on.
Pignasecca o no se o fesse
    D due votte, e o laett,
    Per levse a famme a giabba
    Quellinvo, chi o consol.
O land in to f da seja
    Affamu pezo che n L
    Dallamigo, che pe-o sguasso
    O quint a crepp da-o d;
Ma o se f n on immortale,
    Cho ghe d pan e fain,
    De patatte, n uvo fesso,
    E de iule in fracass;
Insalatta no ghe na,
    Che laxu serv per vin,
    Gha per de de castagne,
    E per frta pigne e armon;
Gha nn-a ta sensa posate,
    Co-a tovaggia de papp,
    Z careghe no ghe na,
    E mangin co-e de din p;
Bevvn ttti du bottiggia,
    Che di gotti no ssava,
    Gha per lmme appeizo allaja
    Un lmmin da man chi spiava;
Per mobilia poi da stanza
    Gha due cascie ben serr;
    E per tra ( oh bella vista ! )
    Di gren sacchi de din;
In tn canto n p de paggia,
    Cha serviva per dorm,
    Dove spesso ghe sciortiva
    Di rattoin da f stord.
Pignasecca o mangi tanto,
    Cho no poeiva ci mescise,
    E o land, ma con gran stento,
    Scnna cascia pe assettse.
Pignaverde o mangi poco,
    Cho lēa sempre desgstu
    Davei fto tanta speiza,
    Cho se paeiva assascin;
Non ostante o fesse mostra
    Dse ttto in allegria,
    E o land l asc a assettse
    Per tegnighe compagnia;
E l comme du spozoe
    Doppo dse ben en
    Stan sciallandose in sci gotto
    A cont i so amoi pass;
Cosc l stavan faendo
    Di discorsci da so po,
    Con contse a vitta e i micoi,
    Per f vedde chi a ci avo;
E per dghe nn-a gran pruva
    Deconomico costmme,
    Pe avanz quello poco ujo,
    Pignaverde ammort o lmme;
Pignasecca o lapprov
    De st l a discre a-o sco,
    E per non frstse e braghe,
    Sassett l asc a c no;
Ma pass pochi minti
    Doppo dssise assett,
    Pignasecca o cazz morto
    Sorve n sacco de din.
Pignaverde essendo a-o sco,
    E sentindo quello son,
    O credd, cho gharrbasse,
    E o crepp dallapprenscion.
Doppo quattro o inque giorni
    Fn trov da n vexin
    Ttti du cn ratto in bocca,
    Dellavaro degna fin.
Pignasecca aveiva in stacca
    Scrito ttto de so man
    O so testamento in regola,
    Meno a firma do Scrivan;
In to qu pe n nuvo trto
    Davarizia originale,
    Solo l, lnico erede
    Sistituiva niversale;
Per risparmio poi dinciostro
    O la scrito ben sott,
    Senza virgole, n accenti,
    Manco i punti a niscin i.
Pignaverde o non aveiva
    Ninte in stacca, e vixit
    E due cascie an ttte pinn-e
    Di e argenti ipotech
A entn per ento lanno
    Per cait, e da bon cristian
    Solo o terzo o limprestava
    Do val do pegno man.


Cose mai ve serve, o Avari,
    Dammggi tanti din,
    De gugnli con sja,
    Se bezugna che i lasci !
Fne parte fin chei tempo
    Con gistizia a chi ne tocca,
    Che cosc vivie ci megio,
    N moie cn ratto in bocca.



(Martin Piaggio)



Questo articolo stato visualizzato 266 volte

 
"Da Martin Piaggio a Gilberto Govi" | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno //




Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it