Benvenuto su Genoadomani
1681484
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 17 visitatori e 3 utenti registrati
Totale utenti registrati: 752
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
l'opinione''7 settembre 189...'' di Pierpaolo Viaggi
14/10/2014

 

Piera Gaudenzi è stata compagna di vita del pittore Alfredo (Alf) Gaudenzi e assieme alla figlia Ambra dirige tuttora la galleria d'arte "Il Vicolo" in Salita Pollaiuoli. Ma per me, o meglio per la famiglia di mia moglie, è soprattutto una vecchia amica di famiglia. Vecchia nel senso di durata ormai decennale di questa conoscenza. Quando ci siamo visti qualche mese fa, circondata da libri e pubblicazioni varie e soprattutto da dipinti e quadri, alcuni dei quali di dimensioni tali da occupare un'intera parete, mi ha detto: "Ho bisogno di spazio. So che a te piace leggere. Scegliti qualche libro...".
Ho accettato di buon grado e ne ho scelto alcuni. In particolare gliene ho indicato uno, temendo peraltro che potesse obiettare :"no, questo no...". E invece... 


 


Si tratta di un libro il cui titolo ed autore hanno subito richiamato la mia attenzione sapendo che avrei certamente trovato ricordi di un tempo, di una genovesità di cui, ora che i "sessanta" mi paiono galoppare, avverto sempre più struggente la nostalgia, sia pure vissuti sotto forma di tradizione orale dei racconti di mia nonna. Già il titolo è stato un tuffo nel passato: "Quando cenavamo sotto il bersò" ma il nome dell'autore - Edilio Pesce - una promessa.
Devo dire che, per vari motivi, l'ho preso in mano per leggerlo solo un paio di giorni fa e, come faccio sempre coi libri di questo genere, sono andato a consultare l'indice. Conseguenza: ho iniziato dalla...fine. Perchè? Son sicuro che qualcuno l'avrà già intuito: poteva forse colui che è stato uno dei maggiori e forse l'ultimo, vero, cantore del Genoa, tralasciare dai suoi ricordi il Grifone? E il primo capitolo della sezione finale (dal titolo quanto mai significativo Football & Fair Play),  "Genoa, una leggenda lunga cent'anni", scritto nel 1993 in occasione del centenario del Club, è stato a suo modo scioccante perchè rivelatore di una verità spesso velatamente proposta ma sempre sottaciuta per non so bene quale ragione. Ne trascrivo alcuni brani, a mio avviso di fondamentale rilievo sotto l'aspetto storico, che sono i motivo principale che mi ha spinto a scrivere quanto ora leggete e sono certo innescheranno curiosità e voglia di approfondire.
Dice dunque Edilio Pesce: "E' una festa per tutti perchè i cent'anni del Genoa sono anche i cent'anni del calcio in Italia, poichè quel gruppo di sportmen, fondando il 7 settembre del 1892 (il 1893 è l'anno della prima pedata al ball) il Genoa Cricket and Athletic Club, portò il germe dello sviluppo del calcio in Italia".
Più avanti, in un altro paragrafo, scrive: "A rigore la centesima candelina, secondo la versione dei documenti ufficiali, era da accendere un anno fa: lo statuto sociale del Genova 1893, nel 1937, quando erano ancora viventi i testimoni dell'atto di fondazione, recita così: "La sera del 7 settembre 1892 veniva costituito in Genova una Associazione sportiva che prendeva il nome di Genoa Cricket and Athletic Club. La sezione calcio cominciò a funzionare nel 1893. I primi calci vennero dati sulla antica piazza d'Armi di Sampierdarena, nel 1897 il Genoa passò sul terreno di Ponte Carrega..."
La seconda prova è rappresentata dalla rivista sociale (prima in Italia) edita dal Genoa nel 1922, sul cui frontespizio è riportata a "manchette" la data di fondazione del club: 1892.
Comunque, ormai viene dato per scontato che il Genoa lega la sua origine al 1893 (...)"
Infine, in un altro passaggio si legge: "Una città può identificarsi anche con un club sportivo. Così fu per Genova con il Genoa Cricket and Athletic Club, fondato proprio durante i festeggiamenti del IV Centenario dalla scoperta dell'America: controversi pareri ne fissano l'esordio nel 1893, ma l'atto di fondazione è,  PER CERTO, il 7 settembre 1892".
Io mi sono limitato a riportare ciò che scrive Edilio Pesce, sulla cui conoscenza di cose genoane non può sussistere dubbio alcuno. E sempre nel ristretto del proprio limite, potrei chiosare con un "che l'inse?" per dare inizio ad una discussione che penso quanto mai interessante.

Pierpaolo Viaggi



Questo articolo è stato visualizzato 662 volte

 
"''7 settembre 189...'' di Pierpaolo Viaggi" | 7 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 19/10/2014


[Nessun Soggetto]
di nembokid55 il 19/10/2014 14.00

Confermerebbe quanto da noi ipotizzato una sera, e cioè che il 1893 segni l'inizio dell'attività calcistica ma che la fondazione della società risalga all'anno prima.
Un piccolo appunto: la rivista mensile "Genoa Club" uscì nel 1921, per l'esattezza nel mese di settembre.
Lo so per certo perché, come scrissi tempo fa sui pensieri in libertà, sono entrato in possesso di nove numeri, il primo dei quali è il numero 2 dell'ottobre 1921.
Confermo invece che nel frontespizio compare la scritta "Anno di Fondazione 1892".





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it