Benvenuto su Genoadomani
1709776
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 13 visitatori e 4 utenti registrati
Totale utenti registrati: 752
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
il Grifone in campoGioco d’attacco in corso di rinnovo
05/01/2018



XX giornata
Sabato 6 gennaio 2018, ore 15

GENOA C.F.C.   -   U.S. SASSUOLO C.          1-0

35’ II t. Galabinov, di testa

GENOA :
Perin (cap.); Zukanovič, Spolli, Rossettini; Biraschi, Rigoni, Brlek (31’ II t. Lazovič), Bertolacci, Laxalt; Pandev (11’ II t. Galabinov), Lapadula (39’ II t- Omeonga).
SASSUOLO :
Consigli; Lirola, Goldaniga, Acerbi; Peluso; Missiroli (44’ II t. Mazzitelli), Magnanelli (cap.), Duncan (37’ II t. Ragusa); Berardi, Falcinelli (20’ II t. Matri), Politano.
Arbitro : P. Gacomelli da Trieste
Ammoniti :
Rigoni, Missiroli, Zukanovic, Galabinov.
Divise :
Genoa tenuta tradizionale, Sassuolo maglia bianca con segno verdi e vari, pantalincini verdi.
Note :
Perin sceglie la porta Nord.
Tempo nuvoloso con pioggia precedente e successiva. Superficie del terreno in cattive condizioni.





Questo articolo è stato visualizzato 103 volte

 
"Gioco d’attacco in corso di rinnovo" | 10 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 07/01/2018


Galabinov (e Perin).
di RABAX il 07/01/2018 09.31
http://RABAX

In un recente intervento, fatto dopo aver rivisto la partita di Coppa Italia con la Juve avevo espresso le mie perplessità sul reiterato mancato impiego di Galabinov.
Ribadisco il concetto, non tanto e non solo perché è stato determinante, con il solito Perin (se, come scrivono, adesso od a giugno lo vende a 10 milioni, a Preziosi gli tolgo il saluto), per l'importante vittoria con il Sassuolo, ma piuttosto perché credo sia l'unico giocatore in rosa che abbia le caratteristiche fisiche e di gioco per dare consistenza e concretezza al gioco d'attacco di una squadra, la nostra compresa.
Una banalità, ma non troppo, siamo sempre in difficolta ogni volta che Perin rimette la palla in gioco con lanci lunghi: ma porca puzzola, la prendono di testa sempre gli altri.
Non pochi avversari ci fanno contro il pressing alto per impedire il passaggio al difensore e costringere Perin al rilancio, come si diceva, lungo che finisce per regalare loro il pallone, diciamo quasi sempre, se non sempre.
Juric non mi pare se ne preoccupasse più di tanto, Ballardini ha provato a rimediare utilizzando la testa di Rosi con rilanci lunghi sulla fascia destra.
Quando c'è Galabinov quei rilanci lui riesce a gestirli come si deve e, come faceva Pavoletti, fa salire la squadra.
Poi tira in porta con forza, cosa che oramai non riesce più a Pandev e, sinora, neppure allo stesso Lapadula.
Insomma, se non ci sono altri motivi, di chissà quali opportunità a noi non noti per insistere su altri, questo giocatore lo utilizzerei un po' più spesso e tanto meno lo regalerei a qualcun altro in questo mercato invernale.
Confido al riguardo nella saggezza e nell'esperienza di Perinetti che, da uomo di calcio, tutto questo, immagino, lo avrà visto, capito e considerato ben prima di noi semplici tifosi.
Ultima considerazione sulla partita, non giochiamo bene, fare gol è sempre un'impresa ardua, ma visto il calendario che ci aspetta, questi tre punti portati a casa con il Sassuolo (una pernacchietta all'antipatico Iachini, spero si possa fare) credo siano stati fondamentali.
Ora tutto quello che arriverà con le big sarà grasso che cola, mentre sul fondo gli altri continueranno ad arrabattarsi.
Alè!





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it