Benvenuto su Genoadomani
1651350
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 10 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 751
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:



'Meeting' con... Mister McIlwain del Southend United [versione stampabile Pagina Stampabile]



Abbiamo avuto il piacere di seguire le gesta degli inglesi del Southend fin dal loro debutto contro il Ligorna nella prima giornata del girone eliminatorio. Da subito abbiamo avuto l'impressione di avere a che fare con una squadra di alto livello. É venuta così la voglia di ascoltare qualche parola di Mr. McIlwain, incoraggiati anche dal fatto che lo staff britannico si sia sempre dimostrato formato da persone cordiali e un po' 'casiniste' come piacciono a noi. Ci stupivano infatti sul campo l'organizzazione di gioco rigorosa, fatta di sacrificio per tutti i componenti della squadra e l'entusiasmo, l'allegria infinita dei ragazzi, prima, durante e dopo i match.

Prima della partita dei Quarti di Finale contro la temibile Lucchese Libertas gli chiediamo, aiutati da un'interprete d'eccezione- Fabry Rabacchi-  di raccontarci come stia vivendo l'esperienza genovese con i suoi giocatori. "Alla grande ! " esclama allargando le braccia Mark, "La città è favolosa e il clima stupendo ! We love it ! Siamo anche molto felici di stare in un bell'albergo: solitamente ci ospitano in scuole o strutture simili, qui invece soggiorniamo in hotel... tutto è perfetto per preparare le partite al meglio. " É la prima volta che partecipano allo Spensley, " Sì, ed è anche la prima volta che veniamo in Italia. La nostra squadra fà tourneè da anni in tutta Europa: Spagna, Francia, Danimarca e altre ancora, ma non era mai venuta qui in Italia." Che impressione ha avuto del livello tecnico del Torneo ? "Le prime partite non sono state difficilissime ma ho visto comunque buone squadre, andando avanti poi devo dire che le squadre finaliste sono molto preparate, tutte molto forti." E il Southend? Come lo vede? " Non siamo venuti qui con il progetto di vincere la competizione ma abbiamo portato, come sempre fà la nostra Società in queste occasioni, quasi tutti i ragazzi sotto-leva in modo da dar loro un'esperienza di vita e gioco molto importante." Pensa che la differenza di fisico ed esperienza potrà farsi sentire? "Probabilmente sì, ma io so di avere dei giocatori bravi e quindi non mi pongo limiti per l'esito del Torneo."

Good luck, Southend ! And GOODBYE .  

  

[ Torna su Spensley 2007]



Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it