Benvenuto su Genoadomani
1675114
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 11 visitatori e 6 utenti registrati
Totale utenti registrati: 752
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:



FINALE : CRONACA Genoa CFC - Saturn Moscow [versione stampabile Pagina Stampabile]



GENOA CFC '94                                  2

SATURN MOSCOW *                          2  

( 3-4 ai c.rig.)

 

RETI: Bukiya (2), Condorelli, Romei.

GENOA C.F.C. : Secondelli, Pesce, Di Sisto, Parrotta, Condorelli, D'Ambroso, Gobbi, Raddi, Romei, Pelosi, Scali, Dondero, Mancioppi, Frulli, Rusca, Bannati, Held, Di Maria. All.: Lucido.

SATURN MOSCOW : Ovcherenko, Obratzsov, Tkachev, Galushlov, Borisov, Kadzhi, Bukiya, Dergachev,  Rykunov, Zabuga, Khimov, Titov. All.: Nosnikitin

ARBITRO : Acampora.

C'è grande attesa per questa finale (annunciata, per la verità) del Torneo Spensley 2007. La voglia dei ragazzi di Lucido è quella di centrare l'obiettivo dopo l'eliminazione dello scorso anno contro l'Athletic Club, poi diventato campione. I rossoblù hanno fatto vedere le cose migliori fin'ora mentre i russi si sono sempre dimostrati una squadra tosta e organizzata.

Si gioca subito sul serio e il Grifone tira subito fuori gli artigli, uno di questi è Gobbi, che al 4' esplode un diagonale ribattuto in angolo da un difensore; sul successivo corner il colpo di testa di Scali meriterebbe più fortuna e un po' di precisione. Dopo l'occasione sfumata il Genoa torna a macinare gioco e Condorelli si sgancia dalle retrovie, fà qualche metro palla al piede e lascia partire un destro micidiale che si infila sull'esterno superiore della rete. I Russi, obbligati alla reazione dopo un avvio difficile, conquistano una punizione (apparentemente) innocua sulla tre-quarti e , come un fulmine a ciel sereno, arriva il vantaggio dei bianchi di Nosnikitin: il tiro-cross di Bukiya sorprende Secondelli e lo obbliga alla deviazione, non basta . Il pallone si insacca alle sue spalle nell'incredulità generale. Sullo 0-1 si scatena la reazione rabbiosa dei ragazzi di Lucido ma l'occasione di Held (nel frattempo entrato a sostituire Gobbi) viene neutralizzata dall'uscita puntuale di Ovcherenko. L'allenatore russo vede nella sinistra un punto debole della sua squadra, così inserisce l'ottimo Borisov a tamponare le avanzate di Pesce e Held. Il cambio è azzeccato e proprio dalla sinistra arriva il raddoppio russo, altro calcio di punizione, altro tentativo di Bukiya e altro tiro che trafigge Secondelli. Questa volta la conclusione è cercata e, bisogna dirlo, magistrale nell'esecuzione. Il biondo Bukiya non ci crede, è l'autentico uomo-partita. Non servono però molti minuti al Genoa per far vedere di che pasta sia fatto, ma sul tiro di Raddi è la sfortuna a dire no, portiere battuto e palla sull'incrocio dei pali. Si va all'intervallo con la sensazione della beffa, due tiri in porta - due goal.

Nel secondo tempo il Grifo non si arrende e, in apertura, trova finalmente il goal meritato. Non poteva che essere un calcio di punizione a sbloccare il risultato, infatti al 6' un destro 'chirurgico' di Condorelli fa volare il pallone nell'angolo dove il portiere (davvero bravo in tutte le occasioni) non può arrivare. La rete è una liberazione, ora si può giocare all'assalto, provando il tutto per tutto. I rossoblù giocano alla grande sull'entusiasmo e sfiorano il goal con un diagonale di Scali e un tiro di Bennati parato da Ovcherenko.  Dopo tanto patire è il momento dell'urlo di gioia quando un pallone in area capita sui piedi giusti, quelli di Romei, e viene scagliato con rabbia sul secondo palo, 2-2.

Il Genoa ora dovrebbe provare ad insistere ma, tranne una bella conclusione di capitan Raddi, non riesce più a rendersi pericoloso. Sono necessari perciò i calci di rigore per stabilire chi sarà il vincitore dello Spensley 2007; c'è ancora da attendere col fiato sospeso.

La lista dei tiratori comprende per il Genoa: Pesce, Bennati, Raddi, Condorelli; per i Russi del Saturn: Khimov, Obratzov, Borodin, Titov.

I russi si dimostreranno glaciali dagli undici metri , mentre i Nostri Pesce e Condorelli (su cui non cambiamo idea e segnaliamo come migliori in campo per intensità e impegno, anche se non si può dimenticare la prestazione di Raddi) si faranno ipnotizzare da un Ovcherenko in giornata di grazia.

BEST PLAYERS : Condorelli, Ovcherenko.

Non resta che applaudire tutti a fine gara e dare l'appuntamento alla prossima edizione, sperando che dopo l'impresa di Sbravati nel 2005 possa essere l'anno buono. 

 

[mircoraba]

  

[ Torna su Spensley 2007]



Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it