Benvenuto su Genoadomani
1635667
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 24 visitatori e 5 utenti registrati
Totale utenti registrati: 750
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:



Conferenza Presentazione - 31 agosto 2009 [versione stampabile Pagina Stampabile]



Anche quest'anno Genoadomani.it si occupa del Torneo Spensley, un appuntamento consolidato da anni e sempre di maggior successo e partecipazione. Giunto alla diciassettesima edizione e per la prima volta presentato nella splendida cornice del Museo della Fondazione Genoa, lo Spensley è pronto a regalare nuove emozioni, non dimenticando gli ingredienti della propria ricetta vincente. Tra i punti fermi dell'organizzazione c'è sempre la valorizzazione della genoanità e del fair-play nelle nuove generazioni di sportivi, siano essi genovesi, italiani, stranieri. I numeri che derivano dalle statistiche ciriportano a un trionfo di colori rossoblù in giro per il mondo:

34 le nazioni per 76 squadre straniere che hanno partecipato in questi anni per un totale di 6.860 giovani calciatori a cui sono state regalate altrettante maglie rossoblu...

 

LE PRIME PAROLE DEDICATE A FRANCO SALVO. Durante la conferenza di presentazione di oggi lunedì 31 agosto, il Presidente del Comitato Organizzatore Giancarlo Rabacchi non può che esordire con un saluto a una delle colonne portanti della manifestazione, che purtroppo ci ha lasciato improvvisamente durante l'estate: “E' vero che lo Spensley dev'essere considerato una festa, ma non possiamo far finta di nascondere la tristezza per la perdita di Franco Salvo, il nostro amico e collaboratore è stato vittima di un tragico destino che lo ha tolto alla sua famiglia e al nostro comitato. Sono convinto che lui, attraverso anche il lavoro di suo figlio Fabio, potrà essere 'qui con noi'. Colgo l'occasione per ringraziare Fabio Salvo che lo ha voluto sostituire.”

Doverosamente salutiamo Franco che ha sempre dato un'enorme mano a Genoadomani e a tutti i colleghi con cui intratteneva rapporti straordinariamente piacevoli ed amichevoli, nonché fruttuosi ed efficaci sotto il profilo professionale.

 

LE NOVITA'. Quest'anno partecipano al Torneo due squadre provenienti da paesi non soliti a calcare i campi dello Spensley: Finlandia e Olanda, rispettivamente con le società FC Honka e ADO Den Haag. Purtroppo il parco-squadre estere nn si è arricchito dalla presenza di due squadre africane che erano state invitate ma hanno trovato intoppi burocratici, peccato sarebbe stata la prima volta per Nigeria e Costa d'Avorio.

Un altra novità, imprevista, riguarda il campo in cui verrà disputata la finale di domenica 6 settembre, non come recentemente il “Signorini”di Pegli, bensì il campo della Sciorba, visto che quello di allenamento del Grifone ha problemi al manto erboso e Marassi non vedrà il Genoa in campo per via della sosta. “Per la data di domenica bisogna comunque dare atto all'altra squadra genovese di averci fatto la cortesia di spostare la partita per cui aveva prenotato l'impianto,”precisa Rabacchi.

L'ultima news sulle maglie, quest'anno i trecento partecipanti riceveranno in regalo la maglia da trasferta del Grifo anziché la tradizionale casacca, “Abbiamo voluto cambiare.” spiega il Presidente, “ma l'importante è che i colori rossoblù continuino a viaggiare in giro per il mondo.”

 

LE AUTORITA'. Nutrito il gruppo di autorità presenti, oltre che di esponenti dei mass-media locali, la prima a prendere parola è Francesca Canicchi, Presidente Regionale di ENDAS Liguria: “Lo Spensley è una manifestazione a cui siamo lieti di partecipare, ormai sono molti anni che l'Endas lavora al Torneo e ci auguriamo di continuare in futuro.” Quindi è la volta di Carlo Nicali, Presidente del CONI Provinciale: “Io c'ero anche diciassette anni fa e quello che credevo potesse essere il Torneo del Centenario del Genoa e che la storia finisse lì, invece ha continuato a vivere fino ad oggi; mi auguro di vedere altrettante edizioni di qui a venire e saluto con affetto tutti gli organizzatori.”

Il Presidente del CONI Regionale Vittorio Ottonello sposta 'il tiro' invece sul valore educativo delle manifestazioni come lo Spensley: “Genova ha due fiori all'occhiello per lo sport dei giovanissimi come il Ravano e lo Spensley, sono orgoglioso come genoano di dire che questo è un fatto straordinario, sono due esperienze per i ragazzi che garantiscono momenti formativi unici.”

Sulla stessa lunghezza d'onda Angelo Luigi Torti, assessore allo Sport della Provincia di Genova: “L'aspetto sociale dell'evento va ben oltre l'importanza sportiva, seppur di alto livello, del Torneo.” A chiudere l'incontro ci ha pensato il 'padrone di casa', l'Avvocato D'Angelo con un discorso da manuale sulla genoanità: “In diciassette anni sono successe tantissime cose, il Genoa ha cambiato società, dirigenti, categoria, ma un fatto significativo è che lo Spensley sia sopravvissuto parallelamente a tutte le vicissitudini societarie. Sono iniziative come questa che fanno capire quanto sia forte l'iniziativa spontanea della, mi piace chiamarla così, comunità genoana.”

 

Chiusa la cerimonia con le interviste di rito, non possiamo che dare appuntamento a giovedì 3 settembre prossimo. I ragazzi delle dieci squadre invitate già scalpitano.
  

[ Torna su Spensley 2009]



Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it